Differenza tra Champagne e Spumante

Le bollicine, simbolo di festa e raffinatezza, hanno conquistato il palato di appassionati e neofiti dell'enologia. In questo contesto, due nomi spiccano per eccellenza: Champagne e Spumante. Sebbene entrambi condividano il prestigioso titolo di vini frizzanti, le sottili sfumature e le radici territoriali delineano un paesaggio gustativo unico. Esploreremo la differenza tra Champagne e Spumante, scavando nelle loro origini, territori e peculiarità enologiche.

Invenzione del Vino Frizzante

Partiamo dalle radici del vino frizzante. Sia lo Champagne che il Franciacorta, la sua controparte italiana, seguono il prestigioso metodo di produzione noto come metodo Champenoise o metodo classico. Questo processo prevede una doppia fermentazione, con l'aggiunta di una miscela di vino, zucchero e lieviti prima dell’imbottigliamento. La magia della seconda fermentazione in bottiglia genera l'anidride carbonica, donando alle bollicine la loro effervescenza distintiva. Sebbene lo Champagne sia spesso associato all'invenzione di questo metodo.

Testimonianze storiche suggeriscono che in Franciacorta si parlasse già di "vini mordaci" nel 1570anteponendosi così ai lavori di Dom Pierre Pérignon in Champagne.

Due Terroir Diversissimi

La differenza fondamentale tra Champagne e Franciacorta emerge dal loro terroir unico. Mentre la Champagne trae la sua ricchezza dai sedimenti calcarei derivati da un antico oceano, la Franciacorta presenta suoli formati da una morena, accumulo di detriti rocciosi provocato dal progressivo scivolamento di un ghiacciaio

Questa diversità si riflette nei terrenigesso, marne e calcare per la Champagne, e sabbie e limo per la Franciacorta

Le correnti fresche dall'oceano influenzano il clima della Champagne, conferendole estati moderate, mentre il Lago d'Iseo contribuisce a mantenere temperature più calde in Franciacorta. Questi elementi creano le condizioni ideali per una viticoltura distinta.

Il Terroir della Champagne

Il suolo calcareo della Champagne, ricco di gesso e argilla, offre alle viti un ambiente favorevole. La latitudine settentrionale moderata consente una maturazione controllata, dando vita a vini con spiccata acidità e basso contenuto alcolico, ideali per il metodo classico.

Il Terroir della Franciacorta

La morena rocciosa caratterizza il terreno della Franciacorta. I suoli sabbiosi e limosi, insieme al Lago d'Iseo, contribuiscono a un ambiente più caldo. Questo favorisce la maturazione più rapida delle uve, generando vini leggermente più alcolici e aromatici rispetto alla Champagne.

Vitigni, Affinamento e Caratteristiche Organolettiche

Il cuore della differenza tra Champagne e Franciacorta risiede nei vitigni, nell'affinamento e nelle caratteristiche sensoriali.

I Vitigni dello Champagne

Lo Champagne si avvale di tre vitigni principali: Pinot Noir, Pinot Meunier e Chardonnay. La distribuzione varia nella regione, con il Pinot Noir predominante nella Montaigne de Reims e lo Chardonnay nei dintorni di Epernay.

Di seguito una selezione di Champagne Pregiato:

I Vitigni del Franciacorta

La DOCG Franciacorta ammette quattro vitigni, che sono: Chardonnay, Pinot Bianco, Pinot Nero ed Erbamat. Quest'ultimo, autoctono lombardo, rappresenta una risposta alle sfide climatiche, mantenendo l'acidità necessaria per la spumantizzazione.

Di seguito una selezione di Pregiato Franciacorta:

Differenza tra Champagne e Franciacorta in Base ai Vitigni

Le differenze territoriali si riflettono nei vitigni. L'Erbamat e il Pinot Bianco, adattati al terroir franciacortino, si uniscono al Pinot Nero e al Chardonnay, producendo vini più aromatici e leggermente più alcolici rispetto agli Champagne, noti per la loro accentuata acidità e note minerali.

E Invece le Cuvée?

L'arte dell'assemblaggio, o cuvée, caratterizza entrambe le regioni. Tuttavia, la Champagne ha affinato questa pratica nel corso dei secoli, creando una costante qualità e un gusto iconico. In Franciacorta, la diversificazione tra gli spumanti è maggiore, offrendo un gusto meno standardizzato, ma altrettanto affascinante.

Differenza tra Champagne in Franciacorta in Base alla Cuvée?

Le grandi Maison della Champagne, come Ruinart e Moet, hanno reso la cuvée un'arte raffinata, producendo Champagne con caratteristiche costanti. In Franciacorta, la cuvée è diffusa, ma la diversità tra gli spumanti è maggiore, garantendo una gamma meno omogenea, ma ricca di sfumature.

Quanto Conta l'Età della Bottiglia?

Entrambi gli Champagne e i Franciacorta devono affinare in bottiglia, sui lieviti, per un periodo minimo stabilito dalle rispettive denominazioni di origine controllata. Sebbene l'affinamento effettivo superi ampiamente questo periodo, la differenza organolettica è meno evidente, con entrambi che sviluppano aromi di pan brioche, crosta di pane e lievito.

Produzione e Volumi di Champagne e Spumante

Nel confronto tra Champagne e Franciacorta, emerge una disparità nei volumi di produzione e nella diffusione globale.

I Volumi di Franciacorta e Champagne

Nel 2022, sono state vendute 326 milioni di bottiglie di Champagne in tutto il mondo, mentre il Franciacorta ha raggiunto 20,2 milioni di bottiglie nello stesso periodo. Questa differenza si riflette nella struttura del settore, con 16.000 vigneron in Champagne rispetto ai 200 soci del consorzio Franciacorta.

Conclusioni

Champagne e Franciacorta, pur condividendo il prestigioso titolo di vini frizzanti ottenuti con il metodo classico, si distinguono per il loro terroir, vitigni e approccio alla produzione. Mentre lo Champagne si erge come un gigante globale, il Franciacorta abbraccia la diversità e mantiene un legame saldo con il suo territorio. La scelta tra queste due eccellenze spumantiche si traduce in un viaggio sensoriale unico, dove la tradizione e l'innovazione si fondono in ogni sorso.

IMPORTANTE:
Tutte le spedizioni verso United Kingdom potrebbero essere soggette a dazi doganali da pagare alla consegna. Tali dazi NON sono conteggiati nel check-out di questo negozio

Prodotto aggiunto alla Lista dei Preferiti
Prodotto aggiunto a Compara
Consenso ai cookie